TITOLO VENERDI

“Tradimento”. “Abbandono”. “Croce”. “Morte”.

Quattro parole della passione di Gesù vissute in quattro storie di oggi.



Lo stesso dolore che Gesù, nella sua ora, ha sperimentato per indicarci la strada.



Alle 14.10 vi aspettiamo in diretta con “A caro prezzo. Storie di Passione”.


Ospiti in studio: il biblista don Fabio Rosini, la teologa Marinella Perroni, Chiara Amirante, fondatrice di Nuovi orizzonti e il poeta Davide Rondoni.



Durante la puntata i temi affrontati verranno trasformati in immagini e colori dall’arte di Mr Klevra, tra i più originali street artis del nostro tempo.



Straordinaria partecipazione dell’attore Francesco Pannofino, che darà voce e interpretazione a brani molto suggestivi.


 

16 Apr 2014 alle 03.03 Gli speciali 2 Commenti

SANTA MESSA DOMENICA 201 APRILE 2014

papa_francesco1

La Santa Messa di Pasqua presieduta dal Santo Padre andrà in onda su RaiUno a partire dalle ore 10.15 da Piazza San Pietro

a cura del Tg 1

16 Apr 2014 alle 02.02 La Santa Messa Nessun Commento

VANGELO DOMENICA 20 APRILE 2014

Egli doveva risuscitare dai morti.

 

risurrezione rupnik
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 20,1-9

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

FAME D’AMORE

ilaria 2

Da adolescente ha cominciato ad essere ossessionata dal cibo e dal suo fisico. Era capace di mangiare una sola mela in un’intera giornata ed è arrivata a pesare 38 chili.

Lorena Bianchetti questo sabato incontra Ilaria Crescenzi che con grande coraggio ci racconta le cause che l’hanno portata all’inferno dell’anoressia, la sua fame d’amore e il suo percorso di rinascita.

“Ho sperimentato la luce che passa per le ferite, che riempie e sazia l’anima. Prima vomitavo la vita, ora la porto in grembo”.

Seguiteci!

 

15 Apr 2014 alle 03.03 Le puntate del sabato Nessun Commento

MARCELLA, MAMMA DI CHI NON HA UNA MAMMA

12

Ha cinquantasei anni è un’insegnante in pensione e una laica consacrata della Comunità Papa Giovanni XXIII. Ma guai a dirle che è una suora, lei è la mamma di una famiglia molto particolare.

Questo sabato Lorena Bianchetti incontra Marcella Sanino che ci racconterà la sua straordinaria storia. Dall’incontro con Don Oreste Benzi, all’adozione di Federica, una bambina affetta da tetraparesi spastica che ha cambiato per sempre la sua vita, fino all’apertura della sua prima casa famiglia, a soli 26 anni.

Seguiteci e conoscerete l’amore incredibile di una mamma tempo pieno di tanti figli diversi.

«Se fosse per lavoro non lo farei, certe cose si fanno solo per amore».

10 Apr 2014 alle 12.12 Le puntate del sabato 2 Commenti

SANTA MESSA DOMENICA 13 APRILE

 

papa_francesco

La Santa Messa della Domenica delle Palme presieduta dal Santo Padre andrà in onda su RaiUno a partire dalle ore 9.30 da Piazza San Pietro
A cura del Tg1

09 Apr 2014 alle 03.03 La Santa Messa 1 Commento

VANGELO DOMENICA 13 APRILE 2014

gesu_entrata gerusalemme

VANGELO (Mt 21,1-11)
Benedetto colui che viene nel nome del Signore. 

+ Dal Vangelo secondo Matteo

Quando furono vicini a Gerusalemme e giunsero presso Bètfage, verso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due discepoli, dicendo loro: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito troverete un’asina, legata, e con essa un puledro. Slegateli e conduceteli da me. E se qualcuno vi dirà qualcosa, rispondete: “Il Signore ne ha bisogno, ma li rimanderà indietro subito”». Ora questo avvenne perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta: «Dite alla figlia di Sion: “Ecco, a te viene il tuo re, mite, seduto su un’asina e su un puledro, figlio di una bestia da soma”».
I discepoli andarono e fecero quello che aveva ordinato loro Gesù: condussero l’asina e il puledro, misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere. La folla, numerosissima, stese i propri mantelli sulla strada, mentre altri tagliavano rami dagli alberi e li stendevano sulla strada. La folla che lo precedeva e quella che lo seguiva, gridava: «Osanna al figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nel più alto dei cieli!».
Mentre egli entrava in Gerusalemme, tutta la città fu presa da agitazione e diceva: «Chi è costui?». E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nàzaret di Galilea».

09 Apr 2014 alle 03.03 Le Ragioni della Speranza 1 Commento

VANGELO DOMENICA 6 APRILE 2014

 

Gv 11,1-45
Io sono la risurrezione e la vita

GESU-lazzaro-m
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella, era malato. Maria era quella che cosparse di profumo il Signore e gli asciugò i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato. Le sorelle mandarono dunque a dire a Gesù: «Signore, ecco, colui che tu ami è malato».
All’udire questo, Gesù disse: «Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio, affinché per mezzo di essa il Figlio di Dio venga glorificato». Gesù amava Marta e sua sorella e Lazzaro. Quando sentì che era malato, rimase per due giorni nel luogo dove si trovava. Poi disse ai discepoli: «Andiamo di nuovo in Giudea!». I discepoli gli dissero: «Rabbì, poco fa i Giudei cercavano di lapidarti e tu ci vai di nuovo?». Gesù rispose: «Non sono forse dodici le ore del giorno? Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo; ma se cammina di notte, inciampa, perché la luce non è in lui».
Disse queste cose e poi soggiunse loro: «Lazzaro, il nostro amico, s’è addormentato; ma io vado a svegliarlo». Gli dissero allora i discepoli: «Signore, se si è addormentato, si salverà». Gesù aveva parlato della morte di lui; essi invece pensarono che parlasse del riposo del sonno. Allora Gesù disse loro apertamente: «Lazzaro è morto e io sono contento per voi di non essere stato là, affinché voi crediate; ma andiamo da lui!». Allora Tommaso, chiamato Dìdimo, disse agli altri discepoli: «Andiamo anche noi a morire con lui!».
Quando Gesù arrivò, trovò Lazzaro che già da quattro giorni era nel sepolcro. Betània distava da Gerusalemme meno di tre chilometri e molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell’ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».
Dette queste parole, andò a chiamare Maria, sua sorella, e di nascosto le disse: «Il Maestro è qui e ti chiama». Udito questo, ella si alzò subito e andò da lui. Gesù non era entrato nel villaggio, ma si trovava ancora là dove Marta gli era andata incontro. Allora i Giudei, che erano in casa con lei a consolarla, vedendo Maria alzarsi in fretta e uscire, la seguirono, pensando che andasse a piangere al sepolcro.
Quando Maria giunse dove si trovava Gesù, appena lo vide si gettò ai suoi piedi dicendogli: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!». Gesù allora, quando la vide piangere, e piangere anche i Giudei che erano venuti con lei, si commosse profondamente e, molto turbato, domandò: «Dove lo avete posto?». Gli dissero: «Signore, vieni a vedere!». Gesù scoppiò in pianto. Dissero allora i Giudei: «Guarda come lo amava!». Ma alcuni di loro dissero: «Lui, che ha aperto gli occhi al cieco, non poteva anche far sì che costui non morisse?».
Allora Gesù, ancora una volta commosso profondamente, si recò al sepolcro: era una grotta e contro di essa era posta una pietra. Disse Gesù: «Togliete la pietra!». Gli rispose Marta, la sorella del morto: «Signore, manda già cattivo odore: è lì da quattro giorni». Le disse Gesù: «Non ti ho detto che, se crederai, vedrai la gloria di Dio?». Tolsero dunque la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: «Padre, ti rendo grazie perché mi hai ascoltato. Io sapevo che mi dai sempre ascolto, ma l’ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato». Detto questo, gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!». Il morto uscì, i piedi e le mani legati con bende, e il viso avvolto da un sudario. Gesù disse loro: «Liberàtelo e lasciàtelo andare».
Molti dei Giudei che erano venuti da Maria, alla vista di ciò che egli aveva compiuto, credettero in lui.
Parola del Signore.

03 Apr 2014 alle 11.11 Le Ragioni della Speranza 2 Commenti

SANTA MESSA DOMENICA 6 APRILE 2014

 Sala Consilina

S. Messa dalla Chiesa S. Anna in SALA CONSILINA (SA)

Regia: Gianni Epifani                      Commento: Elena Bolasco

03 Apr 2014 alle 11.11 La Santa Messa Nessun Commento

CON LA MUSICA OLTRE LA MALATTIA

SABATO

E’ giovane, ha talento e una grande passione per la musica. Ha deciso di fare il cantante lirico e ci è riuscito, raggiungendo grandi successi.

Quando ha solo 30 anni, nel pieno della sua carriera, un’ospite indesiderata sconvolge i suoi piani.

Nella puntata di questo sabato Lorena Bianchetti incontra Marco Voleri, che con grande forza, senza autocommiserazione e con una buona dose di ironia ci racconta la sua quotidiana lotta alla sclerosi multipla.

02 Apr 2014 alle 12.12 Le puntate del sabato 2 Commenti